Quando la malattia diventa Arte

Posted on 1 min read 221 Visualizzazioni

Il manicomio è una grande cassa di risonanza

e il delirio diventa eco

l’anonimità misura,

il manicomio è il monte Sinai,

maledetto, su cui tu ricevi

le tavole di una legge

agli uomini sconosciuta.

  1. Alda Merini da La Terra Santa

 

La luna s’apre nei giardini del manicomio,

qualche malato sospira.          

mano nella tasca nuda.       

 La luna chiede tormento      

e chiede sangue ai reclusi: 

 ho visto un malato           

 morire dissanguato         

  sotto la luna accesa.

Alda Merini  da  La Terra Santa
Elena Ronza
signature

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Da un po’ di tempo, inoltre, percepiva un vuoto nella parte più intima di se stesso, il nulla, la sensazione di essere risucchiato da un buco nero. Nel corso degli anni aveva sempre inseguito assecondandole tutte le sue attitudini naturali, ma in quel periodo, il vuoto non spariva neanche quando recitava o quando si appassionava a un nuovo copione o a una nuova idea. Restava lì e lui si sentiva invadere il corpo, la mente e l’anima dal desiderio quasi struggente di fuggire.

Previous
Come vivo il presente
Quando la malattia diventa Arte